La Strategia di Lisbona nel Lazio

RSS News

cerca nel sito   vai cerca

News

venerdì 17 dicembre 2010

Piattaforma europea contro la povertà e l’esclusione sociale

 

Con una comunicazione intitolata “La piattaforma europea contro la povertà e l’esclusione sociale”, la Commissione Europea ha indicato che l’UE pone la lotta contro la povertà al centro degli obiettivi per la crescita e l’occupazione. In concomitanza con la chiusura dell’Anno europeo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale, l’esecutivo europeo ha sottolineato infatti come l’UE debba intensificare gli sforzi nel decennio a venire per risolvere questa problematica fondamentale, perché “portare i gruppi vulnerabili al centro delle nostre società e dei mercati del lavoro è essenziale per una crescita sostenibile e inclusiva. La riduzione della povertà è un volano di questa crescita futura”.
La Commissione sosterrà gli sforzi nazionali mobilitando le politiche in tema di protezione sociale, occupazione e istruzione nonché le fonti di finanziamento europeo, ma spetterà agli Stati membri “fissare i propri ambiziosi obiettivi nazionali e rendicontare annualmente i progressi realizzati”: essi saranno chiamati a illustrare le loro iniziative nell’ambito delle Relazioni nazionali sulla strategia “Europa 2020” in quanto contributo per la crescita e l’occupazione; la Commissione valuterà poi tali interventi e identificherà le buone pratiche.
La piattaforma presentata dalla Commissione comprende alcuni interventi considerati prioritari perché particolarmente importanti, tra questi:
- la promozione dell’innovazione nella politica sociale, cioè incoraggiare l’innovazione per trovare soluzioni intelligenti nell’Europa post-crisi, soprattutto in termini di sostegno sociale più efficacie ed efficiente.
- Fare il miglior uso possibile di tutti i fondi messi a disposizione dall’UE, in particolare del Fondo sociale europeo, e proporre di dare priorità alle iniziative di politica sociale in vista dei futuri finanziamenti.
- Rendere i servizi di protezione sociale più efficienti e maggiormente rispondenti ai nuovi bisogni sociali: la Commissione pubblicherà nel 2011 un Libro bianco per affrontare la tematica della sicurezza, adeguatezza e sostenibilità delle pensioni. Sono previsti inoltre interventi correlati alla qualità dei servizi sociali, alle disparità sul piano sanitario e all’esclusione dalle strutture abitative, mentre il 2012 sarà l’Anno europeo dell’invecchiamento attivo.
- Coinvolgere una gamma molto più ampia di partner nella lotta contro l’esclusione: la Commissione definirà orientamenti volontari per il coinvolgimento degli attori competenti nella definizione, configurazione e realizzazione di interventi per la riduzione della povertà da adottarsi a livello nazionale, regionale e locale.
Essendo una delle sette iniziative faro della strategia “Europa 2020” dell’UE, la comunicazione relativa alla piattaforma europea contro la povertà e l’esclusione sociale definisce le azioni utili per incoraggiare gli interventi a tutti i livelli al fine di raggiungere l’obiettivo di riduzione della povertà. Tale iniziativa è poi complementare e fortemente correlata alle altre iniziative faro finalizzate all’aumento dell’occupazione e al miglioramento dell’istruzione e delle abilità.
 
La comunicazione è disponibile al seguente link: