La Strategia di Lisbona nel Lazio

RSS News

cerca nel sito   vai cerca

Che cos'è "UE 2020"

 

L'”UE 2020 rappresenta la prosecuzione del ciclo della strategia di Lisbona che si conclude nel 2010, la strategia di riforma dell'Unione Europea dell’ultimo decennio e che ha aiutato l'Unione ad attraversare la tempesta della recente crisi.
La strategia UE 2020 si fonda sulle realizzazioni conseguite fino ad oggi sotto forma di partenariato per la crescita e l'occupazione, e si differenzia dalla strategia concordata a Lisbona nel 2000, perché affronta nuove sfide. La Commissione ritiene, infatti, che la strategia UE 2020 debba concentrarsi su quegli ambiti di intervento chiave che possano migliorare la collaborazione tra l’Unione e gli Stati membri e mirare più in alto grazie ad un uso migliore degli strumenti disponibili.
Il nuovo programma è il programma di tutti gli Stati membri, grandi e piccoli, vecchi e nuovi, più o meno sviluppati. L’Unione allargata è caratterizzata, infatti, da diversi livelli di sviluppo e quindi da esigenze diverse, per questo motivo la strategia UE 2020, può essere modulata in funzione di punti di partenza e di specificità nazionali diversi, al fine di promuovere la crescita per tutti.
La Commissione ritiene che l’UE 2020 debba essere guidata da fattori di stimolo tematici imperniati sulle seguenti tre priorità:
1-     una crescita basata sulla conoscenza come fattore di ricchezza: in un mondo in cui i prodotti e i processi si differenziano in funzione dell’innovazione, le opportunità e la coesione sociale vanno potenziate valorizzando l’istruzione, la ricerca e l’economia digitale;
2-     coinvolgimento dei cittadini in una società partecipativa: l’acquisizione di nuove competenze, l’accento sulla creatività e l’innovazione, lo sviluppo dell’imprenditorialità e la possibilità di cambiare facilmente lavoro sono i fattori essenziali in un mondo che offrirà più occupazione;
3-     un’economia competitiva, interconnessa e più verde: l’UE dovrà essere più efficace in termini di competitività e produttività riducendo e razionalizzando il consumo delle energie rinnovabili e delle risorse, in un contesto in cui l’energia e le risorse implicano costi elevati e maggiore pressione concorrenziale. Un tale approccio consente di stimolare la crescita e di conseguire gli obiettivi ambientali. Tutti i settori tecnologici ne trarranno beneficio. A tal fine, potranno contribuire anche il potenziamento e l’interconnessione infrastrutturale, la riduzione degli oneri amministrativi e una maggiore rapidità dei mercati e sfruttare le innovazioni.
 
 
 

Ricerca Documenti

  • documenti: 22
  • pagina: 1 di 6

Conclusioni del consiglio europeo 16 e 17 dicembre 2010

fonte
Commissione Europea
ambito terr.
Unione Europea
data
sabato 18 dicembre 2010
ultima modifica
mercoledì 22 dicembre 2010

Piattaforma Europea contro la povertà e l'esclusione sociale

fonte
Commissione Europea
ambito terr.
Unione Europea
data
giovedì 16 dicembre 2010
ultima modifica
mercoledì 22 dicembre 2010

Piano d'azione Europeo per l'e-government 2011-2015

fonte
Commissione Europea
ambito terr.
Unione Europea
data
mercoledì 15 dicembre 2010
ultima modifica
martedì 28 dicembre 2010

New Skills and new Jobs

fonte
Commissione Europea
ambito terr.
Unione Europea
data
martedì 23 novembre 2010
ultima modifica
mercoledì 24 novembre 2010
descrizione

Comunicazione della Commissione Europea riguardante l'iniziativa faro di Europa 2020 "Un'agenda per nuove competenze e per l'occupazione". Essa delinea 13 interventi chiave volti a riformare i mercati del lavoro, migliorare le competenze e renderle consone alla domanda del mercato al fine di accrescere l'occupabilità e rendere più agevole il passaggio da un posto di lavoro all'altro, migliorare le condizioni lavorative e la qualità del lavoro e creare nuovi posti di lavoro.